LA TRAGICA STORIA DI STACY

"Il 25 luglio 2011, Raphaël SIRJACOBS DUPONT e Beatrice erano i più orgogliosi genitori del mondo, erano arrivate nella loro famiglia due gemelline nate premature di circa 3-4 settimane, Stacy e Lesly, premature ma sane.

Stacy aveva ancora bisogno di rianimazione, dopo il cesareo, per cui le due bambine trascorsero quattro giorni in un incubatore e tornarono a casa all'inizio di agosto.

Dando fiducia al parere dei medici, hanno seguito le raccomandazioni che erano state indicate per mantenere le loro bambine in buona salute. Le gemelle stavano allattando, e fu prescritta un'integrazione con latte artificiale, specifico e adatto per bambini allergici. I genitori, in piena fiducia con la comunità medica, decidono di vaccinare le due gemelle che ricevono contemporaneamente tre vaccini, cioè PREVENAR, INFANRIX hexa e ROTARIX, e questo il 13 ottobre 2011, quando non avevano ancora 3 mesi di età.

Ai genitori non era mai stato detto che questi vaccini erano obbligatori in Belgio, né quali rischi esistessero per le loro bambine. Il team medico tenne solo a precisare che una febbre entro 48 ore dalla vaccinazione, è normale e che in generale può ripresentarsi.

Ma nonostante il fatto che Stacy tremasse vistosamente, l'ONE (Ufficio nazionale per l'infanzia) ritenne che non si trattava di una controindicazione alla tripla vaccinazione e vaccinò lo stesso. Tuttavia, il foglio illustrativo del vaccino menziona: "Per quanto riguarda altri vaccini, la somministrazione del vaccino deve essere posticipata in un bambino con malattia moderata o grave da febbre acuta" .

Si trattava di vaccinazione TRIPLA .... Poiché PREVENAR , è un vaccino preventivo contro la meningite e la polmonite, INFANRIX HEXA come suggerisce il nome è una vaccinazione per sei patologie: la difterite, tetano, poliomielite, tosse, epatite B e infezioni da tipo B haemophilus e, infine, ROTARIX, è un vaccino preventivo per la GASTROENTERITE. In totale, non meno di 9 malattie diverse sono contenute in un modo "mitigato" nei tre vaccini, che vengono iniettati simultaneamente con due inoculazioni.

Pochi giorni dopo, la situazione si trasforma in un incubo. Il 21 ottobre, una settimana dopo, la piccola Stacy registra una febbre a 39,9 ° C. I genitori le danno una supposta di Perdolan per abbattere la febbre che scende a 38,5 ° C. Quindi chiamano l'ospedale, dove si dice che, se lo desiderano, possono portare la bambina in visita.

Intorno alle 15:30, i genitori arrivano e i primi esami vengono eseguiti sulla bimba, esami del sangue, dell'urina e la radiografia del torace. Essi rilevano una leggera infezione polmonare e un'infezione nel sangue, da personale infermieristico qualificate come "non gravi".
Somministrano uno sciroppo contro la febbre e mettono la bimba in nutrizione parenterale, ma negano qualsiasi collegamento dello stato di salute della gemella con la vaccinazione tripla che risale a una settimana prima. Il tempo passa e l'infermiera li informa che la forte tachicardia della piccola la preoccupa, mentre il medico è preoccupato dai continui lamenti che la bambina emette mentre dorme.
Pensano anche che sia guasto il rilevatore del battito cardiaco e lo sostituiscono, ma no, il battito cardiaco di Stacy oscilla tra i 200 a 230 battiti al minuto. Il pediatra dice che non importa, che è probabilmente una gastroenterite ... e dice di lasciare che la bambina riposi un po '. I genitori non lasciano la figlia e sono al suo capezzale. Informano l'infermiera che la bimba ha la diarrea e, con stupore, questa risponde che l'ha appena cambiata, che dovrebbe essere lasciata dormire e che sarà cambiata di nuovo al suo risveglio. I genitori continuano a segnalare che la diarrea non sembra loro una cosa normale, oltretutto è di colore verde scuro.

L'infermiera si impunta e non fa nulla.

Alle 19, il pediatra va a casa, la sua giornata è finita, ma Stacy va di male in peggio, ha il corpo ricoperto di piccole pustole, mostra evidenti segni di difficoltà respiratoria. Alle 23, ha un colorito porpora, vale a dire che il suo corpo è coperto da macchie blu, un po 'come se fosse coperto di lividi. Nelle cartelle cliniche, si segnala alle 19.45 che un medico telefonò ad un collega per informarlo dello stato della piccola e chiese il permesso di praticarle una puntura lombare, mettendo la piccola in terapia antibiotica, in attesa dei risultati del liquor. L'autorizzazione è negata ... L'infermiera chiama il pediatra alle 23, per informarlo che Stacy è peggiorata. Il medico arriva alle 23:45 e comincia a fare tentativi di rianimazione. A questo punto, informa i genitori che la bambina non sta più respirando in modo indipendente e chiede loro di lasciare la stanza. Seguono tre lunghe ore, durante le quali viene tentato di tutto per rianimare la bimba, che viene dichiarata morta alle 3 del mattino. Ma in effetti, il cuore di Stacy aveva smesso di battere già a mezzanotte.

Il pediatra comincia allora a spiegare ai genitori che il bambino è morto di sepsi e meningite, mentre per fare una diagnosi di questo tipo, serviva una puntura lombare, che non venne mai eseguita, o serviva almeno una cultura ematica, i quali risultati non sarebbero arrivati prima di 3 o 4 giorni.

Il vaccino PREVENAR è stato ritirato in alcuni paesi dopo diversi morti infantili , tra cui il Giappone (6 morti infantili, il Giappone immediatamente sospese il vaccino) in Olanda, in Francia è stato utilizzato fino alla primavera del 2011 (erano morti 2 bambini).

Da allora, i genitori della piccola si sono mobilitati, hanno presentato una denuncia contro ignoti il 16 novembre 2011 costituendosi parte civile, per violazione della fiducia, omicidio e lesioni, lesioni al corpo e alla vita. Il tribunale ha iniziato negando loro qualcosa che sembra fondamentale in considerazione della loro storia, vale a dire un'autopsia sul corpo della figlia, per determinare le cause della morte e cercare di trovare un legame causale ed efficace con i vaccini somministrati.

I genitori hanno molte cose da dire, specialmente che l'ONE ha cercato di contattarli per fare il primo richiamo a Lesly, la sorellina che aveva mostrato diversi segni clinici molto preoccupanti, anche se non richiedono ospedalizzazione . Hanno consultato un omeopata che ha prescritto loro per la loro figlia e madre anche un trattamento isoterapeutico, basato sui vaccini ricevuti.

"Avevano cominciato ad avere sintomi lo stesso giorno, irritabilità, anoressia, non dormivano molto (abbiamo sofferto anche perché non dormivamo mai di notte), scariche di diarrea color verde scuro, pustole su tutto il corpo e piangevano molto, come se avessero delle ferite. Ma ci dicevano che era normale." .... .

"Dopo la morte di Stacy, Lesly dormiva moltissimo, non sentiva nemmeno quando le gridavamo accanto alle orecchie per vedere la sua reazione, aveva ancora diarrea verde scuro, ed era un'impresa farla mangiare, fino a una notte, tre giorni dopo il funerale. Lesly bevve da suo biberon alle 3 del mattino nel mentre, cadde tra le mie braccia, come in apnea, ero spaventata. Scossi la bimba, mentre camminavo in bagno per svegliarla. Lei non reagiva, si svegliò poco dopo e mi sorrise (....) (il giorno successivo) alle 8 del mattino ho telefonato al nostro omeopata che mi ha consigliato degli antidoti, quello che abbiamo fatto il giorno dopo era un'emergenza, perchè quello effettivo era da ordinare, intanto le somministrai quello, l'altro arrivò dopo un paio di giorni e si rivelò subito adatto."

Questi genitori, che hanno creduto alle autorità mediche del loro paese, fino a oggi non sanno cosa sia accaduto e quello che sanno è perchè hanno fatto molte ricerche, senza sosta, scoprendo con stupore che esistono tantissime altre testimonianze di famiglie che hanno sperimentato simili tragedie con gli stessi vaccini, senza essere mai avvertiti dei rischi . In realtà, scoprono tanto, giorno dopo giorno, che hanno deciso di mobilitarsi con tutte le loro forze, in modo da informare il maggior numero possibile di persone sui pericoli delle vaccinazioni.

TESTIMONIANZA DEL PADRE DI STACY, SIRJACOBS RAPHAEL:

Siamo i genitori di Stacy e Lesly, due gemelle adorabili, nate il ​​25 luglio 2011, ma Stacy ci viene strappata 3 mesi dopo. È morta. Gli abbracci che dava a sua sorella, la loro complicità, le lacrime, le sue grida, niente è come prima, manca anche tanto alla sorella.

Quale colpa abbiamo, cosa è mancato?

Questo è quello che vogliamo conoscere di più al mondo, nostra figlia ci manca terribilmente e il fatto di non sapere cosa è successo, rende il nostro dolore ancora più difficile. Abbiamo presentato una denuncia contro ignoti, perché la nostra figlia è stata vaccinata dal servizio sanitrio belga, mente tremava da freddo, ma non siamo mai stati informati sugli effetti indesiderati dei vaccini, né sul fatto che non erano neanche obbligatori!

Una settimana dopo le vaccinazioni, ci siamo trovati URGENTEMENTE all'ospedale: Stacy aveva 39,9 ° C di temperatura! Prima diagnosi, intorno alle 16:00: una gastroenterite ... alle 19.30, il Dr. "X" chiama il Dr. "Y" e gli dice che è necessario eseguire una puntura lombare e somministrare l'antibiotico. Risposta Dr. "Y": "Aspetta l'evoluzione" Aspettarono finché non smise di respirare ... Risultato alle 23:00: era colo porpora, 3 ore di rianimazione, per arrivare a quello che ci viene detto: "Dobbiamo essere forti, signore ..." La diagnosi? L'ora del decesso? Alle 3 e 5 minuti.... Setticemia e purpura fulgurans, meningite meningococcica?

Mentre nulla si poteva definire in quel momento, non si poteva formulare alcuna diagnosi, dato che non era mai stata praticata la puntura lombare ...

Il 16 novembre, quando abbiamo presentato una denuncia, abbiamo chiesto un'autopsia, ma da quel giorno non è cambiato nulla !
Ci rifiutano questa autopsia, mentre la legge del 26 marzo 2003 è entrata in vigore il 1 ° luglio 2007 e mira soprattutto ai casi di morte improvvisa e mancanza di rilievi medici autoptici.

"Art. 3. Qualsiasi decesso di un bambino che non abbia compiuto l'età di diciotto mesi, deve essere sottoposto ad un'autopsia, allo scopo di indagare le cause, a meno che uno dei genitori non si opponga. Il dottore che rileva la morte ha l'obbligo di informare i genitori del loro diritto di rifiutare un'autopsia e di tutti gli aspetti del controllo post mortem e di eventuali domande, che possono essere chiarite da quest'ultimo ".

Nonostante questa legge, questa autopsia ci viene negata, ma abbiamo fatto diversi passi e possiamo richiederla ancora. Penso che vogliano a tutti i costi nasconderci la verità.

MA NOI VOGLIAMO LA VERITA' !

(Continua il giornalista che redige l'articolo....)

Quello che penso della loro storia è che hanno pagato a caro prezzo la loro fiducia nella medicina, e che, contrariamente a quanto le autorità mediche continuano a dirci, i protocolli non sono affatto adatti nell'ipervaccinare soggetti fragili o deboli, contro qualsiasi cosa. Lì, erano due neonati prematuri, ancora molto giovani e sono stati vaccinati ad eccesso, mentre il loro sistema immunitario era molto fragile, come si può immaginare. L'INFANRIX contiene 6 vaccini combinati per 6 malattie alla volta (difterite, tetano, poliomielite, pertosse, epatite e meningite) il Prevenar, 7 o 13 diversi ceppi di polmonite e ROTARIX, 5 ceppi coinvolti nel enterite gastro.

Se aggiungiamo tutti i ceppi dei diversi vaccini, arriviamo ad un allucinante totale di 18 ceppi, con 24 ceppi inoculati in una sola seduta .... Mi chiedo come un pediatra possa supporre che questo tipo di "zuppa sierologica" non possa essere pericolosa in qualsiasi neonato e ancor peggio nei neonati prematuri.

Perché, alla fine della fiera, è legittimo chiedersi se Stacy sia morta a causa di uno dei 3 vaccini, o se è morto a causa dell'effetto cumulativo di questi tre vaccini (effetto cocktail).

NON E' STATO MAI CONDOTTO ALCUNO STUDIO SULL'EFFETTO "COCKTAIL" DELLE VACCINAZIONI PLURIME.

In ogni vaccino ci sono sostanze adiuvanti, conservanti e sostanze altamente tossiche, ma quando iniettate tre vaccini alla volta, cosa offre quel cocktail ad un organismo infantile?

Inoltre, Stacy stava assumendo una formula antiallergica, c'era un'anamnesi di allergie in famiglia e di morte infantile improvvisa, tutti fatti noti al medico che praticava la vaccinazione.

Un bambino prematuro, invece di essere vaccinato, ha bisogno, per prima cosa, di essere allattato al seno e di posticipare quanto più possibile tutto il programma vaccinale, soprattutto quando ha anche un inizio o una fine di qualsiasi piccolo infreddatura, questo molti medici lo sanno.

Raphael e Beatrice hanno denunciato, hanno istituito una fondazione, hanno pagine Facebook dove raccolgono firme e testimonianze e qui, potete vedere quali reazioni abbia avuto l'ONE, apprendendo che la famiglia si stava mobilitando ...

http://www.7sur7.be/7s7/fr/1507/Sante/article/detail/1356961/2011/12/02/Deces

"Non sapevamo che la bimba fosse malata..."

http://fibroetmetaux.canalblog.com/archives/2013/05/23/27219995.html

Cerca

Videoteca

Disclaimer
Copyright by www.popolounicoevoluzione.org